- “Canzoni napoletane in jazz” per l’ultimo appuntamento di “Castellabate, il luogo dell’incanto"

27/08/2013

“Canzoni Napoletane in Jazz”, dello Stefano Giuliano Ottetto, chiuderà domani sera, alle 21.30, al castello dell’Abate, la seconda edizione della rassegna “Castellabate, il luogo dell’incanto”. Il jazz reinventa la melodia napoletana sulle note di famosi brani come Torna a Surriento, Reginella, I te vurria vasà e Balcone nchiuso”. Sarà un viaggio nel passato di melodie pregiate affidate alla poesia delle note in jazz di una formazione che ha voluto reinterpretare la canzone napoletana con risultati sorprendenti e con l’accompagnamento di un quartetto d’archi.

Il jazz sarà il comune denominatore dei musicisti: Stefano Giualiano al sax, Alessio Busanca al pianoforte, Domenico Andria al basso e Ruggiero Botta alla batteria, che spazieranno, con il quartetto d’archi, tra brani napoletani eseguiti con un proprio arrangiamento e rivisitati per l’occasione. L’ingresso è libero.

«La rassegna è giunta all’ultimo appuntamento. – afferma l’assessore alla Cultura Luisa Maiuri – Quest’anno il filo conduttore è stato la musica, una scelta premiata dal successo di pubblico. “Castellabate, il luogo dell’incanto” è un evento che sta crescendo e che ha riunito nel castello dell’Abate un pubblico esperto ed appassionato che sicuramente parteciperà anche all’ultimo appuntamento in programma domani».